Chiudi
Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email
per rimanere sempre aggiornato...

Inserisci i tuoi dati


Miele


Miele vari gusti, tra cui:

MIELE DI ABETE: Colore ambra scuro con riflessi verdi o bruni. Gusto ricco, intenso, tutt’altro che stucchevole. Ha un caratteristico profumo di resina e di montagna, dovuto al fatto che si raccoglie, in estate inoltrata, nelle Alpi e nelle Prealpi. Proprietà terapeutiche: astringente, deodorante del cavo orale, balsamico, antisettico delle prime vie aeree (da utilizzare in casi di bronchiti, tracheiti, faringiti, incasi di influenza, di rinite e di asma), e dell’intestino, antiemetico.

MIELE DI ACACIA: Viene prodotto un po’ in tutta Italia, nelle zone collinari, ma le Prealpi e la Toscana possono essere considerate le zone più produttive. Aspetto limpido leggermente opalescente, colore molto chiaro, cristallizzazione assente e odore molto leggero e delicato così come il suo sapore. Per le sue sostanze nutritive e per la sua dolcezza, è indicatissimo per bambini e poppanti. Proprietà terapeutiche: corroborante, lassativo, antinfiammatorio per la gola, patologie dell’apparato digerente, disintossicante del fegato, contro l’acidità di stomaco. E’ il più raccomandato ai diabetici leggeri perchè ricco di fruttosio ma senza eccessi.

MIELE DI ARANCIO: colore giallo chiarissimo da liquido e bianco da solido. Sapore delicato e leggermente agrumaceo. Proprietà terapeutiche: vitaminico, sedativo ed ansiolitico, leggermente astringente, battericida, antimalarico. E’ un antispasmodico, si può utilizzare in casi di emicrania, insonnie e palpitazioni.

MIELE DI CASTAGNO: Si produce in tutta l’Italia, dalle Alpi alla Sicilia, nelle zone di media montagna. Colore da ambrato a quasi nero, secondo le zone di produzione. Cristallizzazione, in genere assente o a grossi cristalli. Odore forte e penetrante, di sapone di marsiglia, tanninico. Sapore simile all’odore, pungente all’inizio, poi più o meno fortemente amaro a seconda dell’origine.
Proprietà terapeutiche: favorisce la circolazione sanguigna, antispasmodico, astringente, disinfettante delle vie urinarie.
Consigliato per anziani e bambini. E’ adatto alle persone anemiche, affaticate, asteniche e a quelle che vogliono ingrassare.

MIELE DI CORBEZZOLO: Questo miele particolare si produce in autunno in Sardegna, nell’Italia centrale e nella macchia mediterranea.
Colore ambrato, con tonalità grigio verdi. Cristallizzazione quasi sempre irregolare; è un miele che fermenta piuttosto in fretta, data la quantità di umidità elevata. Odore pungente, verde, simile ai fondi di caffè, legno scortecciato. Sapore decisamente amaro e caratteristico, rabarbaro, nocciolo di pesca. Proprietà terapeutiche: utile per gli asmatici, astringente, antimalarico, antinfluenzale e diuretico. Ricco di ferro. Usi: non a tutti gradito, essendo un miele del tutto particolare.

MIELE DI EUCALIPTO: Viene prodotto nell’Italia centro-meridionale, dove gli eucalipti sono stati piantati come siepi frangivento o per rimboschimento.
Colore ambrato medio, nel cristallizzato tende al grigio. Cristallizzazione a grana fine e consistenza compatta. Odore intenso, di funghi secchi, di lana bagnata. Sapore forte, simile all’odore, ma più gradevole, ricorda le caramelle inglesi alla liquirizia, birra doppio malto, favi vecchi. Proprietà terapeutiche: antisettico delle vie respiratorie, bechico, tossifugo, emolliente, cicatrizzante. Antisettico delle vie urinarie e dell’intestino. Vermifugo, lo si dà ai bambini che hanno gli ossuri.

MIELE DI GIRASOLE: La produzione di miele di girasole è cresciuta negli ultimi anni, parallelamente alla diffusione della coltura, si hanno produzioni uniflorali sopratutto nel centro Italia. Colore giallo vivo. Cristallizzazione variabile ma sempre rapida. Odore leggero, di frutta cotta, di paglia, di cera. Sapore debole, simile all’odore, leggermente erbaceo. Proprietà terapeutiche: diuretico, stimolante, febbrifugo, digestivo. Facilita l’abbassamento del colesterolo. Ipotensivo.
Usi: come miele da tavola, ma molto utilizzato anche in pasticceria e dall’industria alimentare

MIELE DI LIMONE: Colore avorio, sapore gradevole e leggermente aspro. Proprietà terapeutiche: vitaminico, leggermente astringente, antisettico e antivirale. Usi: Miele da tavola che può sostituire lo zucchero in ogni occasione perchè ha un gusto neutro che non altera il gusto e il sapore degli alimenti.

MIELE DI SULLA: Il miele di sulla si produce nell’Italia centrale, meridionale ed insulare. Colore chiaro, fino a quasi bianco.
Cristallizzazione: in pasta bianca e compatta, non dura, con cristalli facilmente solubili. Odore molto tenue, di paglia, poco fine. Sapore delicato con una gradevole nota caratteristica vegetale. Proprietà terapeutiche: leggermente astringente, rimineralizzante, antisettico. Usi: per il gusto delicato si presta a qualsiasi uso.

MIELE DI MILLEFIORI: Viene raccolto nel periodo estivo sulle fioriture di prati e pascoli dell’Appennino. Il colore e il sapore variano in funzione della percentuale dei tipi di fiori in esso presenti. Il colore è generalmente ambrato e il gusto delicato. Cristallizza con una certa rapidità e possiede una benefica azione disintossicante per fegato e reni.

MIELE DI TIGLIO: Viene prodotto sui tigli selvatici alle pendici delle Alpi, spesso in miscela con miele di castagno e sulle alberature di viali e parchi, se sufficientemente estesi.
Colore: da chiaro a piuttosto scuro, a seconda del contenuto in melata. Cristallizzazione molto spesso a grana grossolana. Odore tipico mentolato, resina di pino. Sapore simile all’odore, medicinale, nocino, con leggero retrogusto.
Proprietà terapeutiche: sedativo dei dolori mestruali, calmante, diuretico, digestivo. Indicato per le tisane espettoranti. Ha proprietà sudorifare. Contro l’insonnia e l’irritabilità. Usi: come miele da tavola.

MIELE DI MIRTILLO: Colore scuro, sapore gradevole. Proprietà terapeutiche: disturbi circolatori e cardiaci funzionali, stimola il metabolismo e purifica il sangue.

MIELE DI FORESTA: Colore scuro, quasi nero. Sapore intenso e gradevole indicato per salse agrodolci. Proprietà terapeutiche: è in grado di esercitare un azione antisettica a livello dell’apparato respiratorio delle vie urinarie e dell’intestino. Agisce favorevolmente in casi di cistiti. Particolarmente adatto come decongestionante per i fumatori.

MIELE DI TIMO: Il miele di timo uniflorale si produce in Sicilia, nelle zone montuose dell’interno. Colore ambrato medio, cristallizzazione variabile. Odore molto intenso, fra il floreale e il “chimico”, può forse ricordare il timolo, vino cotto, matita. Sapore altrettanto forte quanto l’odore, plastica bruciata, matita masticata. Proprietà terapeutiche: antisettico, calmante, febbrifugo, tonico. Usi: come miele da tavola.

MIELE DI TARASSACO: Viene prodotto all’inizio della primavera se le colonie di api sono sufficientemente sviluppate al momento di questa fioritura. Zone tipiche per questa produzione sono Lombardia e Piemonte. Colore giallo vivo o beige crema, se in miscela con miele di salice. Cristallizzazione molto rapida e in genere a cristalli finissimi. Odore molto intenso, quasi ammoniacale, di cantina, favi. Sapore simile all’odore. Proprietà terapeutiche: diuretico, depurativo. Usi: come miele da tavola, per chi ne apprezza il gusto.

MIELE DI ERBA MEDICA: Grosse produzioni sopratutto nella pianura Padana. Colore da ambra chiaro a ambra se liquido, beige se cristallizzato. Cristallizzazione spontanea alcuni mesi dopo il raccolto, tende a fermentare. Odore debole, vinoso. Sapore altrettanto debole, di cera, vinoso, acido. Proprietà terapeutiche:  antispasmodico diuretico, lassativo, energetico, raccomandato agli sportivi.
Usi: come miele da tavola.

MIELE DI TRIFOGLIO: di colore chiaro e sapore intenso e persistente. Miele aromatico. Proprietà terapeutiche: svolge un’azione espettorante, ha un effetto spasmolitico e antidiarroico, ideale nei casi di ritenzione di urina.

MIELE DI LAVANDA: Più che in Italia si produce in Francia e Spagna dove questa coltura è più diffusa. In Spagna e in Sardegna si produce anche miele dalla lavanda selvatica (Lavandula stoechas) che ha caratteristiche diverse, con aroma meno intenso ma molto più fine. Colore da chiaro ad ambrato. Cristallizzazione generalmente fine. Odore molto intenso di torrone, tabacco dolce da pipa. Sapore caratteristico, ricorda l’odore, speziato. Proprietà terapeutiche: Raccomandabile per la tosse. Corroborante dello stomaco e calmante dell’affanno dell’asma.
Usi: è un finissimo miele da tavola.

Prezzi compresi tra € 6,00 e € 7,50 (500 gr.)

Le proprietà benefiche del miele sono infinite, in particolar modo il miele è conosciuto e consumato per le sue proprietà antibatteriche, nutrizionali, nutritive, cosmetiche e per la pelle. Il miele è un alimento naturale che procura energia, grazie alla sua ricchezza in glucidi, noti anche come idrati di carbonio, presenti fino a più di tre quarti del suo peso, e non importa quale tipo di energia, perché tale contenuto di glucidi è assimilabile fin dai minuti successivi alla sua ingestione. Il risultato benefico consiste nella immediata disponibilità dell’energia fornita e indubbiamente tale proprietà è di grande interesse dietetico.

Miele e benefici per gli sportivi

Agli sportivi viene consigliato di consumare miele prima, durante e dopo una competizione, essendo l’alimento ideale perché, oltre a fortificare i muscoli, aumenta anche la resistenza fisica e favorisce un veloce recupero, anche dopo sforzi violenti e prolungati. Lo scalatore Edmond Hillary, che per primo conquistò l’Everest, consumò parecchi kg di miele durante la scalata.

Sostituire lo zucchero con il miele perchè ha diverse proprietà benefiche inclusa quella di essere maggiormente digeribile rispetto allo zucchero comune

L’assimilazione del miele da parte dell’organismo non richiede alcuno sforzo, e chi soffre di disturbi digestivi non potrà che trarre vantaggio sostituendo lo zucchero con il miele nella sua alimentazione. Il miele è indicato anche a chi soffre di ulcera gastrica e nelle diete per l’infanzia, fin dalla nascita. E’ vivamente consigliato sostituire sistematicamente lo zucchero con il miele nei cibi destinati ai bambini, trattandosi tra l’altro di un’operazione alla portata di tutti, essendo molto facile sciogliere del miele nel latte del biberon. Il tipo di miele più indicato in questo caso è il miele di acacia, particolarmente dolce perché ricco di fruttosio.

Il miele tra le sue proprietà nutrizionali annovera la presenza di minerali importantissimi per il benessere

L’interesse dietetico del miele è dovuto alle sue proprietà naturali che, a differenza dello zucchero, facilitano la fissazione del calcio, del magnesio e degli altri sali minerali essenziali durante la crescita. Il miele dà inoltre beneficio all’intestino con la sua azione sulla flora batterica nel combattere le fermentazioni. In caso di costipazione, grazie alle sue proprietà lassative, darà efficace sollievo a chi ne soffre. A differenza dello zucchero, di canna o di barbabietola, il miele è permesso ai diabetici leggeri, tenendo presente che il miele è ricco di fruttosio, la cui assimilazione non richiede l’intervento dell’insulina. Occorre però una certa prudenza: il miele per il diabetico è sì meno nocivo dello zucchero tradizionale, ma non può essere consumato in grandi quantità senza correre il rischio di aggravamenti. Ai diabetici leggeri è consigliato l’uso del miele di acacia perché più ricco di levulosio-fruttosio, mentre i diabetici gravi dovranno comunque astenersi dal farne uso.

Il miele migliora la longevità

Risultati di uno studio accurato ha mostrato che gli apicoltori vivono generalmente più della media della popolazione: il miele può quindi essere considerato fonte di longevità, constatato che rallenta il processo fisiologico dell’invecchiamento e contrasta efficacemente l’indebolimento prematuro delle funzioni vitali.
Applicato esternamente il miele favorisce la cicatrizzazione di bruciature e ferite inoltre, se sciolto lentamente in bocca,attenua le irritazioni della gola. Altre proprietà del miele derivano dalle piante che hanno prodotto i nettari iniziali. Ecco perché a ciascuna varietà di miele corrispondono indicazioni terapeutiche specifiche.